Essere Single A 30 Anni: i 7 aspetti positivi

essere single a 30 anni

Ritrovarsi single a 30 anni oggi è abbastanza comune, e per molti rappresenta una fase della vita in cui tutto praticamente deve ancora iniziare. Consolidamento del lavoro, degli affetti, conoscere meglio se stessi, sono tutte cose che nella fase precedente, ossia dai venti ai trenta, ancora molti non hanno raggiunto.

Ma cosa vuol dire veramente essere single a 30 anni? C’è differenza dall’esserlo a 20? Nel pensiero collettivo è più normale essere single a 20 anni piuttosto che a 30, poiché è dai vent’anni che iniziano i progetti, si prosegue nello studio, si cerca insomma di raggiungere qualcosa che però occorre del tempo prima di arrivare a conquistarla.

E se ai 30 anni non si è in coppia e non si hanno obiettivi? Allora vuol dire che è un fallimento? Ecco, a questo punto bisogna mettere in chiaro una cosa: lasciate perdere i giudizi degli altri e tenete conto solo della vostra opinione, che vale più di ogni altra cosa. D’altronde, siete padroni della vostra vita oppure no?

Quindi siete liberi di arrivare single a 30 anni e vivere la vita come vi pare e piace, anche perché, molti non lo sanno, ma ci sono tanti buoni motivi per stare bene in questa fascia di età, anche da soli, perché molte cose dai venti ai trenta li avreste fatti senza consapevolezza. Se volete qualche aggiornamento, leggete di seguito i motivi perché essere single a 30 anni può essere più gratificante che esserlo a 20!

Scelte più consapevoli in fatto di donne

Difficilmente a 20 anni avete le idee chiare sulla donna che vorreste per la vostra vita e anche se state in coppia con qualcuno spesso nel giro di qualche anno magari sarete presi da qualche altra bellissima ragazza che vi attrae in modo spaventoso. Diciamo che vi va bene tutto in questa fase dell’età e che non andate troppo per il sottile.

Discorso ben diverso se siete single e avete 30 anni: in questi dieci anni avete conosciuto abbastanza donne da farvi un’idea più chiara e adesso ci sono delle cose su cui avete voglia di dare la priorità. Insomma, siete più consapevoli in fatto di donne e se a 20 fate l’amore con chi vi capita, a 30 state attenti ad altre cose, oltre che al sesso, quindi al carattere, al modo di fare, e non accettate più mezze misure!

Gusti più decisi in fatto di uomini

Se sete donne single a 20 anni ancora non conoscete i vostri gusti in fatto di uomini e innamorarvi anche di quello sbagliato è possibile. In realtà l’amore dovrebbe coprire i difetti, ma se arrivate con la stessa persona a 30 anni vi rendete conto che le vostre esigenze sono cambiate e anche i vostri gusti si sono evoluti!

Proprio così, e da un momento all’altro vi ritrovate magari single a 30 anni, ma più decise e determinate a volere magari un rapporto in cui sapete cosa volete! Orami conoscete tutto anche in fatto di sesso, quindi perché non cercare quello di cui si ha bisogno?

Modi diversi di divertirsi

Se a 20 anni essere single vuol dire vivere con spensieratezza è anche vero che in questa età si vorrebbe tutto e si cerca di far entrare in quel contenitore che è la nostra testa tutto ciò che si desidera.

Ogni cosa nuova che si fa è sempre la prima esperienza, ma pian piano tutte le prime volte di ogni cosa vanno ad accumularsi e si va facendo strada la presa di coscienza: tutto nel tempo acquista un valore e prendono il peso che hanno realmente. Si cresce, insomma, e se arrivate single a 30 anni cambia anche il modo di divertirsi.

Se prima vi ubriacavate in discoteca adesso sceglierete locali più distinti dove sorseggerete un drink magari chiacchierando con un tizio o una tizia affascinante. In questa fase di età subentra quella che viene definita serietà, senza rinunciare alle esperienze che fanno ugualmente divertire, ma in altri modi! E se volete consocere qualcuno in modo alternativo potete sempre rivolgervi ale chat per single che sono molto usate in questi anni.

Preparazione perfetta e adatta all’occasione

Prepararsi per uscire in queste due fasce di età è decisamente ben diverso. A 20 anni va bene un filo di trucco e via, già si è fuori, pronti per andare ovunque e non si fa molto caso ad essere troppo perfetti per certe occasioni, anche perché l’abbigliamento preferito è il casual.

Di certo a 30 anni le cose cambiano, si ha più cura di se stessi e si fa più attenzione a cosa si indossa, cercando anche di adeguarsi all’occasione. In questa fase si conoscono i segreti di bellezza, almeno per quanto riguarda le donne, ma anche gli uomini sono ben informati e anche loro conoscono certi prodotti che possono migliorare il loro aspetto.

Quindi, dieta e palestra sono all’ordine del giorno, perché la parola d’ordine e migliorarsi e mantenersi giovani, per fare colpo sull’altro sesso anche solo con lo sguardo!

La solitudine non fa paura

Qualcuno a 20 anni pensa alla solitudine come qualcosa di bello? Sicuramente no, magari non percepisce del tutto il significato di questa parola che evoca strani pensieri. Perché a 20 anni è normale che pensare alla solitudine sia come evocare qualcosa di terribile, mentre, col passare dell’età, questa sensazione sfuma e lascia il posto ad un concetto diverso della solitudine, intendendolo invece come una sorta di conquista di se stessi.

Perché essere single a 30 anni significa spesso ritrovare se stessi, capirsi meglio, avere le idee chiare su tutto, sul lavoro, sugli affetti, sull’amore, sulle amicizie. Insomma, a 30 essere single non vuol dire che si soffre la solitudine, vuol dire piuttosto volersi bene e prendersi cura di se stessi. Nulla può essere più prezioso di una scelta fatta con criterio e con piena approvazione del proprio pensiero.

L’avvenire è nei progetti prioritari

Mentre a 20 anni tutto sembra avvenire come in una folle corsa, perché tutto deve ancora essere conquistato, a 30 la percezione cambia e si dà la priorità al futuro e a ciò che si desidera costruire.

Se nella fase precedente si è incerti su quale strada intraprendere perché ancora tutto è un continuo divenire e rappresenta una scoperta, nella fase dei trenta molte cose sono già state conosciute e si ha più sicurezza sulla direzione presa.

Uomini e donne single, nella maggioranza dei casi, pensano quindi a fortificare una posizione lavorativa e a trovare una persona con cui stare sul serio se si ha intenzione di formarsi una famiglia. In alternativa, non mancano certo le occasioni per divertirsi!

Conoscersi a fondo per affrontare le situazioni

Se a vent’anni ancora si è troppo giovani per conoscere le proprie reazioni e spesso non si sa nemmeno cosa si vuole dalla vita, a 30 tutto questo diventa chiaro e con molte certezze.

In dieci anni una persona ha tutto il tempo per scrutarsi dentro e scavare fino a capire a cosa aspira, perciò arrivare a 30 single significa portare dietro un bagaglio di esperienze che rende più forti e aiuta ad affrontare da soli qualsiasi situazione.

In questa fase di età si gusta il piacere di essere sicuri di se stessi, di agire senza troppi conflitti interiori e di mettere al primo posto le proprie esigenze. Anche sul piano sessuale e sentimentale ci sono poche indecisioni e si va dritti alla realizzazione delle proprie aspirazioni.